Antonio Justel Rodriguez

Prima riflessione 




... questa calamità della mia vita, questo colpo sterminatore di angeli e rose,
questo evento che è entrato nel mio petto e ha riempito il mio sangue di scempi
e la parola del cielo mi assedia, mi scuote e mi ferisce;
... Non voglio esagerare com'è la solitudine mentre istruisco,
o come la stupidità del tempo arriva e invade le spalle,
braccia, vita e piedi di soppiatto, come tira il divano del pazzo
perché non ci sono più uccelli che possono passare dalla finestra e il danno è grande:
una costellazione sconosciuta e incontrollata di assi e corpi, stridule e ordini;
So che è un tempo di virtù minime e di pochissimi uomini,
una mischia di lupi ingabbiati da e nel mio stesso freddo;
... ma so anche che passerà questa mia rovina, sebbene a detta risurrezione
nessuno è chiamato ei lupi ululano a me ora dopo ora, giorno dopo giorno e anno dopo anno
attraverso le vene tese e gelate del cuore;
… Io, credo nella vita delle mie ossa assediate;
dove altro costruirò quello che mi aspetto?
dove altro se non la libertà?


Antonio Justel-Rodriguez
https://www.oriondepanthosseas.com
***

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Antonio Justel Rodriguez.
Published on e-Stories.org on 10/05/2022.

 
 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Next title

More from this category "General" (Poems in italian)

Other works from Antonio Justel Rodriguez

Did you like it?
Please have a look at:


Razón y celebración - Antonio Justel Rodriguez (Lyrics)
Growth - Inge Offermann (General)
I wish... - Jutta Knubel (Friendship)