Gabriele Zarotti

Ci sono attimi.








Ci sono versi 

di domestiche parole,

parole di poeti ormai passati

che tornano alla mente

quasi per caso.

 

Non parlo di versi

che si mandavano a memoria per dovere,

in tempi andati.

Non parlo di grandi

 e celebrate poesie.

 

Parlo di frammenti.

Fragili memorie.

Piccole emozioni

che ci portiamo dentro per la vita. 

 

Attimi.

 

Che

quando meno te l’aspetti bussano alla mente

e  con un fil di voce

ti sussurrano all’orecchio

minute,  e umane  debolezze

senza età.

 

perché tu mi dici: poeta…

io non sono un poeta

…..

vedi: non ho che lacrime da offrire al silenzio.

…..

Io voglio morire, solamente, perché sono stanco;

solamente perché i grandi angeli

su le vetrate delle cattedrali

mi fanno tremare d’amore e d’angoscia;

solamente perché, io sono, oramai,

rassegnato come uno specchio,

come un povero specchio melanconico.

…..

Io amo la vita delle semplici cose

Quante passioni vidi sfogliarsi poco a poco

…..

 

Sì,

oggi mi sento 

un po’ crepuscolare. 

Ma sono certo che  fra poco

il fiume che mi scorre dentro senza sosta

questi  vagabondi versi li cancellerà.

 

 

 

 

 
 

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Gabriele Zarotti.
Published on e-Stories.org on 05/19/2020.

 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Next title

Does this Poem/Story violate the law or the e-Stories.org submission rules?
Please let us know!

Author: Changes could be made in our members-area!

More from category"Remembrance" (Poems)

Other works from Gabriele Zarotti

Did you like it?
Please have a look at:

L'abito non fa il poeta. - Gabriele Zarotti (Thoughts)
Boules dargent - Rainer Tiemann (Remembrance)
Darkness of a way - Helga Edelsfeld (Thoughts)