Antonio Justel Rodriguez

IL GRAAL DI EBOR




...oltre gli ultimi mari, le ultime terre e luci,
tu eri;

… è entrato nel mio cuore come in un fuoco
e rose vive mi vennero incontro quando dissi che Elai era il tuo nome,
la mia fede e ragione, e la mia ultima, la mia eccelsa gloria;
Ho portato i miei tamburi, i miei labaro e le mie lance, le mie forze e i miei trionfi, come mio emblema,
olio terrestre,
comanda e sii,
il lignaggio;

... e niente era;

… negli atrii del silenzio, sotto la luce più pura, dall'altra parte del sangue, vive l'Amore;
ecco, ecco il mio Camelot, il mio Excalibur e, anche, il mio paese e la mia regina,
colei che sogna e brilla,
il mio Elai;

… quindi, ancora fuori le mura e pellegrino nel petto,
povero, nudo e cieco, sono solo;
ah rose vive, a quella, a quella che è la mia anima,
Puoi dirle che Ebor è morto e che Ebor la sta chiamando, vero?
***
Antonio Justel Rodriguez
https://www.oriondepanthosseas.com
***
 

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Antonio Justel Rodriguez.
Published on e-Stories.org on 04/17/2022.

 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Next title

Does this Poem/Story violate the law or the e-Stories.org submission rules?
Please let us know!

Author: Changes could be made in our members-area!

More from category"General" (Poems)

Other works from Antonio Justel Rodriguez

Did you like it?
Please have a look at:

HALITS - Antonio Justel Rodriguez (General)
Winter Day - Inge Offermann (General)
Being interested - Inge Hoppe-Grabinger (Life)