Antonio Justel Rodriguez

TERRENO ABBANDONATO

 
... e no, qui non verrà più nessuno, nessuno passerà i pomeriggi al sole autunnale
né riparerà il danno del tempo e del silenzio, nessuno,
né si ricorderà che proprio lì, sotto i susini e i salici,
ho generato mio figlio;
... il vento ululerà d'inverno, e anche i lupi, i corvi e le nebbie
passeranno feriti dalla solitudine e andranno molto lontano,
perché temeranno il loro incontro con l'immensa angoscia
che espirano le porte e le pietre rotte, le gronde cadute,
la terra ostile e abbandonata;
nessuno troverà la traccia di un mandorlo in fiore,
nessuno il mare,
nessuno un sentiero,
nessuno, nessuno una luce;
... e se questo enorme danno risulta al petto, senza ulteriori indugi, irreparabile,
una ferita d'amore, atroce e ravvivata, ne coglie il dolore e ne devasta le parole.
***
Antonio Justel
https://www.oriondepanthoseas.com
***

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Antonio Justel Rodriguez.
Published on e-Stories.org on 01/30/2023.

 
 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Next title

More from this category "General" (Poems in italian)

Other works from Antonio Justel Rodriguez

Did you like it?
Please have a look at:


CRIE O TEMPO - Antonio Justel Rodriguez (General)
Chinese Garden - Inge Offermann (General)
Fin d┤Octobre Ó Avignon - Rainer Tiemann (Loneliness)