Antonio Justel Rodriguez

ERRESTRE E DIVINO


... dal sud venne Araí,
di cieli cremisi e viola,
delle sue vive sorgenti;
in divina cesta portava pena di pietra e d'acqua,
- e quello dell'aria -
ed eccola, già, senza macchia e come una sposa mitica e divina,
calice di tutte le rose;
... Herfás l'ha vista al di là del mare nel pomeriggio e lei lo ha riconosciuto
per la sua luce tra i gigli;
…e oh lo splendore nascosto del dio,
oh la tenerezza delle braccia amorose sotto il volo dell'olmo,
e oh, oh l'enorme, l'incommensurabile gusto del petto!
in indescrivibile emulsione di anime istituirono il loro fiore di vita,
il suo sogno e la sua verità;
…e ancora, ancora i cancelli della notte rimarrebbero aperti, ancora, ancora.
***
Antonio Justel
https://www.oriondepanthoseas.com***
***

 

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Antonio Justel Rodriguez.
Published on e-Stories.org on 03/27/2023.

 
 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Next title

More from this category "General" (Poems in italian)

Other works from Antonio Justel Rodriguez

Did you like it?
Please have a look at:


EVELINA NEZ - Antonio Justel Rodriguez (General)
Birds of Paradise - Inge Offermann (General)
Love - Christina Dittwald (Emotions)